01/03/2016
Largo Consumo 03/2016 - Approfondimento - pagina 38 - 2 pagine - Barrile Rosaria
 
 
Carni avicole

Aia, Fileni, Amadori a confronto

Il consumo generale di carne è in calo, ma non di quella bianca. Nel 2014 la produzione italiana è stata pari a 1 milione e 261.200 t di carni avicole, in lieve aumento rispetto al 2013 (+0,2%), e di 12,6 miliardi di uova (+3,0%). Nell’ultimo anno la produzione interna e il consumo di carne di pollo hanno mostrato un sensibile aumento (rispettivamente, +1,0% e +2,3%). Oltre al mercato domestico, il comparto delle carni avicole è l’unico tra quelli della zootecnia italiana con un valore della bilancia commerciale costantemente positivo, per quantità e valore. I Paesi europei costituiscono il principale mercato di sbocco e assorbono il 60% dei volumi esportati, la Germania continua a essere il luogo in cui le operazioni commerciali sono più attive, particolarmente sviluppate anche nell’Europa dell’Est.

 
 
Abbonati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Avicoli e cunicoli Rating
 
Tag citati: UnaItalia, Associazione delle filiere agroalimentari delle carni e delle uova, UE, Avec, Paese, Paesi, Aia, A.I.A. Agricola Italiana Alimentare spa, Pavo Spa, Gruppo Veronesi, Negroni, Fini Salumi, Ebitda, Fileni, Fileni Simar, Gruppo Fileni, Fileni Srl, Medrina, Colombara, Sorriso, Biologica Pontete Poio, Avi-Farm, Gestione Alimentare Veloce, Camera di Commercio di Ancona, Carnj Coop, Isa, Istituto per lo sviluppo agroalimentare, Ministero delle Politiche Agricole, Commissione europea, Amadori, Provincia

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati