italiano italiano English English
02/09/2019
Largo Consumo 07/08 - 2019 - Notizia breve - Pubblicato on line - Redazione di Largo Consumo
 
 
Solidarietà

425 pasti sospesi donati in un mese per l’iniziativa promossa da Camst e Cucine Popolari

“Un pasto sospeso” iniziativa voluta da Camst e Cucine Popolari si conclude con un risultato che testimonia una grande prova di solidarietà: nei due ristoranti self-service di Bologna, il C’entro e il Bass’Otto sono stati donati 425 pasti sospesi in un mese. La cena di solidarietà si è tenuta il 3 luglio presso il ristorante self-service il Bass’Otto - ex mensa del popolo di Bologna nel secondo dopoguerra – e è stata organizzata con la collaborazione delle Cucine Popolari, associazione di Roberto Morgantini che da anni si impegna per donare pasti alle persone in difficoltà sul territorio. Francesco Malaguti, presidente di Camst: "Grazie alla generosità di tutti abbiamo raggiunto un risultato straordinario che è andato oltre le nostre aspettative. Avevamo l’obiettivo di organizzare una cena per circa 200 persone e invece [...]

Nell'articolo:

  • I numeri di Camst: 2017

“Un pasto sospeso” iniziativa voluta da Camst e Cucine Popolari si conclude con un risultato che testimonia una grande prova di solidarietà: nei due ristoranti self-service di Bologna, il C’entro e il Bass’Otto sono stati donati 425 pasti sospesi in un mese. La cena di solidarietà si è tenuta il 3 luglio presso il ristorante self-service il Bass’Otto - ex mensa del popolo di Bologna nel secondo dopoguerra – e è stata organizzata con la collaborazione delle Cucine Popolari, associazione di Roberto Morgantini che da anni si impegna per donare pasti alle persone in difficoltà sul territorio.

Francesco Malaguti, presidente di Camst: "Grazie alla generosità di tutti abbiamo raggiunto un risultato straordinario che è andato oltre le nostre aspettative. Avevamo l’obiettivo di organizzare una cena per circa 200 persone e invece abbiamo raddoppiato il numero: le cene saranno due, la prima il 3 luglio e la seconda seguirà dopo l’estate. Come azienda di ristorazione sentiamo particolarmente il dovere di contribuire ad alimentare un circolo virtuoso di solidarietà, per rendere sempre più accessibile il cibo da parte di chi si trova in condizioni di disagio sociale. Questa collaborazione con le Cucine Popolari rafforza questo nostro impegno nella costruzione di una società sempre più inclusiva e sostenibile socialmente”.

 

I numeri di Camst: 2017
Fatturato aggregato: 750 milioni di euro
Dipendenti: 15 mila
Pasti serviti: 130 milioni
Fonte: Dati aziendali  Largo Consumo
 
 
Registrati per leggere il contenuto
 
Tag argomenti: Etica Ristorazione
 
Tag citati: Camst, Cucine Popolari, Malaguti Francesco

Notizie correlate

Percorsi di lettura correlati